scrivere per vivere vivere per scrivere

scrivere per vivere vivere per scrivere
La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli andati. (René Descartes) ********************************************************************************************** USQUE AD FINEM

lunedì 2 novembre 2015

Guest Blogger: Ivano Landi - Memoria e resurrezione degli io nell’opera letteraria di Marcel Proust e Henry Miller


Con vero piacere accolgo l'invito lanciato da "Blogger and Blog" 

e ospito come Special guest Blogger Ivano Landi. All'iniziativa partecipo a mia volta come guest blogger nel sito di Cercatore di favole, il mio post lo trovate QUI.
La tematica è importante e devo dire che rientra nel mio personale gusto letterario. Trattazione lucidissima. Ivano ha volato alto come solo le menti libere possono fare, ringrazio per questo post meraviglioso. In fondo di cosa si tratta? Siamo quattro amici che chiacchierano e dissertano su libri e autori, bene o male non importa. Questa è cultura, quella vera. Fuori dai circuiti accademici che se la cantano e se la suonano tra loro.
Non aggiungo altro, lascio che sia lui a parlare. Gustatevi questo articolo interessantissimo.
Massimiliano Riccardi

Memoria e resurrezione degli io nell’opera letteraria di Marcel Proust e Henry Miller 
di Ivano Landi


Il solo tipo di memoria che desidero conservare è la memoria di tipo proustiano. Mi basta sapere che esiste questa memoria infallibile, totale, esatta.
(Henry Miller, I libri nella mia vita)


Ciò che si disperde quando la memoria apre porte e finestre è quel che non è mai esistito tranne che nel terrore e nell’angoscia.
(Henry Miller, Ricordati di ricordare)


Non essendo io un grande fruitore di critica letteraria non faccio molto testo, ma non ricordo che mi sia mai capitato di trovare accostati tra loro i nomi di Marcel Proust e Henry Miller. Eppure che il romanziere francese sia stato uno dei modelli letterari dello scrittore americano, come testimonia anche la prima delle due citazioni riportate sopra, è fuori discussione. Per questo, nel presente articolo, ho scelto di porre la mia attenzione più sull’affinità essenziale tra i due scrittori che sulle numerose differenze di superficie. Per cominciare, entrambi loro condividono una prima forte consapevolezza: lo scrigno del tesoro è nascosto nel passato, e non in chissà quale passato storico ma nel passato individuale di ognuno. Una consapevolezza che ha il duplice effetto, da un lato di “costringerli” ad adottare il punto di vista autobiografico nella scrittura, dall’altro di metterli fin da subito davanti a un problema che deriva proprio da questa obbligatorietà, ossia alla conseguenza di doversi occupare di cose abbastanza lontane da quella che era, ai loro occhi, la realtà più autentica.
  
Ho cominciato la mia carriera di scrittore col proposito di dire la verità su me stesso. Che compito fatuo! Che cosa può esserci di più fittizio della storia della propria vita?

Così scriveva Henry Miller nel 1950, all’apice della sua maturità di scrittore. E tuttavia, una volta assodato che lo scrigno del tesoro è nascosto nel proprio passato, se si vuole disseppellirlo non c’è altra scelta che scavare. E quale strumento di scavo si può utilizzare se non la memoria?
Sembra una conclusione ovvia, ma ecco che insorge subito un nuovo problema. E stavolta do la parola a Proust:

E’ fatica inutile cercare di evocare il passato, in quanto tutti gli sforzi della nostra intelligenza sono vani.
E allora le oltre tremila pagine del romanzo Alla ricerca del tempo perduto, tutte dedicate al passato, da dove saltano fuori? Come le ha concepite Proust, se ogni sforzo dell’intelligenza di evocare il passato è destinato a un inevitabile insuccesso?
Cercherò di mostrarlo, ma per gradi, cominciando proprio dalla ricerca di alcune analogie tra le creazioni letterarie più importanti dei due scrittori protagonisti dell’articolo.

Tra le opere di Miller, la trilogia della Crocifissione rosea è senza dubbio quella che osa avvicinarsi di più, anche per corposità, alla Recherche proustiana. Ma le accomuna anche il loro essere, entrambe, opere incompiute. Proust non ebbe il tempo di riscrivere, come avrebbe voluto, gli ultimi due volumi del suo monumentale romanzo, e riuscì solo a dettare, dal proprio letto di morte, il racconto di un’altra morte, quella dello scrittore Bergotte. Miller, da parte sua, non portò mai a termine, com’era nei suoi piani, la seconda parte di Nexus. Fu forse troppo precipitoso nel dare alle stampe la prima parte, che si presenta in effetti come un’opera dimezzata nelle proporzioni rispetto ai primi due volumi della trilogia? Precipitoso allo stesso modo di Proust che, tre decenni prima, aveva dimostrato un’eccessiva fretta di morire?  
Un’altra caratteristica che accomuna le due opere è che entrambi gli scrittori le consideravano un tutto unico e solo le esigenze editoriali li avevano costretti a pubblicarle divise in più parti.
Miller testimonia il fatto in una lettera all’amico scrittore Lawrence Durrell:

Non dipende da me se questi volumi vengono stampati separatamente. Io avrei voluto tenerli fino a quando avrei finito di scrivere l’ultima pagina. Ma Girodias mi supplicò e io cedetti.

Ma, come ho detto, a dispetto di questa e altre dichiarazioni di buona volontà, Miller non appose mai la vera parola fine alla sua trilogia.
 Vale inoltre la pena di trascrivere qui un’altra parte della stessa lettera milleriana, molto importante ai fini di questo articolo; non prima di avere però specificato che Durrell aveva da poco espresso, in una lettera indirizzata all’amico, un giudizio molto duro sul primo volume della trilogia, Sexus, l’unico pubblicato fino a quel momento.
Ecco una parte della replica di Miller a propria difesa:

Ho cercato di catturare una miseria e una sterilità che pochi uomini hanno conosciuto. Sarebbe stato molto meglio essere un avanzo di galera! Ma io avevo solo questa vita da raccontare. Quella passione che secondo te manca è presente, ma al negativo; mi ero proposto di raccontare quella vita di “attività insensata” che i saggi hanno sempre condannato, perché equivalente alla morte. Ma, come dico io stesso verso la fine del secondo libro [Plexus], soffrii della mia stessa ignoranza, e per me fu una bella lezione. Tirando le somme, forse la mia vita somiglierà a un’enorme piramide costruita sotto un segno negativo. Eppure, nonostante tutto, una piramide; e forse la si comprenderà meglio quando sarà capovolta.

Miller parla qui di una piramide. Mentre Proust aveva paragonato Alla ricerca del tempo perduto a una cattedrale. C’era stato addirittura un momento in cui lui aveva pensato di intitolare le varie parti secondo una nomenclatura architettonica: Portico I, Portico II, Abside, ecc. E proprio alla sua natura di opera-cattedrale, Proust aveva attribuito la quasi impossibilità di portare a conclusione il suo romanzo.
Entrambi gli scrittori usano quindi una metafora architettonica, sebbene chiamando in causa due forme tra le più lontane tra loro possibili (come lontani erano del resto lo stile e la personalità dei due autori). Ma è soprattutto la parte in cui Miller parla della necessità di arrivare al momento finale, in cui la piramide sarà capovolta, a rendere fortissima l’analogia. Miller poteva solo avere in mente qualcosa di paragonabile agli eventi descritti da Proust nel Tempo ritrovato, quando la memoria inonda finalmente di luce, in retrospettiva, l’intera cattedrale della Recherche e Marcel – il protagonista del romanzo - acquista la piena consapevolezza del senso della sua intera vita, e del destino che vi si è manifestato, perché, lo si dica una volta per tutte, ogni cosa è destino. Tradotto in termini psicologici, la cattedrale illuminata dalla memoria è l’inconscio, e tornerò presto su questo, ma qui è implicito anche un altro grande passaggio, che è quello dalla dimensione della vita alla dimensione dell’arte. Un passaggio che si traduce, alla fine dell’ultimo volume della Recherche, Il tempo ritrovato, nella decisione di Marcel di consacrarsi completamente alla scrittura di un grande romanzo – che altro non è che il romanzo che il lettore ha appena terminato di leggere. Perché la struttura dell’opera è esattamente circolare come il tempo, e non potrebbe essere altrimenti essendo il suo soggetto proprio il disvelamento del segreto del tempo.


Ma perché Marcel, una volta arrivato alla Comprensione, quella con la c maiuscola, fa questa scelta di “esilio”, che rispecchia naturalmente quella compiuta dallo stesso Proust?

È lo scrittore a dircelo:

La vera vita, la vita finalmente scoperta e compresa, la sola vita realmente vissuta, è la letteratura.

Una dichiarazione che sarà ribadita, alcuni decenni dopo e con altre parole, da Miller:

La narrativa è sempre più vicina alla realtà che non i fatti stessi.

Certo, in Proust la sostituzione della vita con l’arte si tradusse in termini molto più letterali che in Miller: il dandy che dopo una brillante vita mondana si seppellì (sebbene meno di quel che lasci trapelare la leggenda) in una stanza foderata di sughero. Ma qui entrano in gioco i temperamenti, quasi in tutto opposti tra loro, dei due scrittori: tanto estenuato, lunare e passivo era quello del francese, quanto sanguigno, solare ed estroverso era quello dell’americano. Ad accomunarli è invece il distacco da loro stessi, che li mette in condizione di gettare uno sguardo lucido e disincantato su ogni cosa e in primis sull’uomo e sul consorzio umano.

Detto questo, possiamo tornare adesso alla nostra domanda fondamentale: Se ogni sforzo dell’intelligenza di evocare il passato è destinato al fallimento, cosa c’è all’origine della scrittura di Proust e Miller?
La risposta è che c’è un diverso tipo di memoria, non collegata all’intelligenza, che ha un nome che non è mai stato un segreto e sarà quindi già noto ad alcuni di voi: la memoria involontaria.
E anche qui si tratta di una sostituzione, altrettanto decisiva di quella della vita con l’arte. Ma è anzitutto una sostituzione necessaria, se si vuole scavare alla ricerca del tesoro sepolto poiché, scrive ancora Proust:

Le informazioni che dà la memoria volontaria non trattengono nulla del passato. Sono vuote come l’io a cui sono pertinenti.
Ecco un altro passo fondamentale. Alla oscura diade memoria volontaria-intelligenza, si aggiunge ora un terzo elemento, l’«io», che condivide con i due precedenti la caratteristica di una sostanziale irrealtà.
Diventa così chiaro perché Miller definisca “fittizia” la storia della nostra vita; non potrebbe essere altrimenti, essendo tale storia pertinente all’«io», cioè a qualcosa per sua natura fittizio.
Siamo davvero arrivati stavolta a un punto cruciale: la memoria involontaria si rivela adatta al compito proustiano (e milleriano) della memoria perché è sia estranea al dominio dell’«io» e dei fatti che vi sono collegati, sia al dominio dell’intelligenza.
Ma a cosa è collegata allora la memoria involontaria? Qual’è il regno da cui proviene e in cui si muove? E’ adesso il turno di Miller di rispondere:

Vi sono giorni nei quali il ritorno alla vita è penoso e doloroso. Si abbandona il regno del sonno contro la propria volontà. Non è accaduto nulla, tranne la consapevolezza che la realtà più profonda e più vera appartiene al regno dell’inconscio.

Quanto sia fondamentale il regno del sonno per la genesi e lo sviluppo della Recherche è noto, e questa frase potrebbe benissimo averla scritta Proust. Ma la conclusione che più mi interessa trarre qui è che il regno della memoria involontaria altro non è che la “realtà più profonda e vera” del regno dell’inconscio. È “dall’oscurità e dal silenzio” di questo regno che secondo Proust provengono i veri libri, le vere opere d’arte, mentre dal mondo “dalla piena luce e dalla conversazione” che attiene all’intelligenza e all’io, possono provenire solo opere mediocri.
Una delle “scoperte” fondamentali di Proust fu proprio quella dell’illusorietà della continuità del nostro «io» – un’illusione prodotta dall’asservimento della nostra memoria alla tirannia dei fatti. In realtà, la nostra esistenza è costituita dalla contemporaneità e/o successione di una moltitudine di io, che nascono e muoiono senza sosta:

Capivo che morire non è qualcosa di nuovo, ma che, al contrario, sin dalla mia infanzia, ero già morto più di una volta.

Il destino di ognuno di questi io è di precipitare, alla sua morte, in una sorta di cimitero interiore, un Ade situato in noi ma al di là del tempo e dello spazio, dove rimangono come addormentati, in attesa di un loro eventuale risveglio provocato da un intervento esterno casuale – cioè estraneo alla nostra volontà. Mentre la memoria volontaria in tutto questo è solo di impaccio, poiché guardare volontariamente indietro non significa nient’altro che, così come era stato per Orfeo con Euridice, imbattersi in un fantasma. La memoria volontaria ha inoltre la caratteristica della fissazione ossessiva tipica dell’«io»:

Gli occhi del ricordo finiscono per non vedere più niente, quando li si fissa troppo  - scrive Proust.

La memoria involontaria dipende invece dal tempo e dai suoi meccanismi, che dopo aver cancellato le nostre impressioni per mezzo dell’oblio può “decidere” di farle risorgere. E ogni volta che si risveglia in noi il ricordo di un’impressione, si risvegliano contemporaneamente tutte le impressioni che vi sono collegate e formano il nucleo di quel particolare io. 
L’intenzione iniziale di Proust era proprio quella di scrivere un libro che fosse tutto composto di queste impressioni risvegliate, imbevute in modo indelebile della luce dell’eternità, frutto dell’estasi extratemporale o estasi metacronica. Il problema principale era però costituito dalle intermittenze: come era possibile scrivere soltanto con delle “gocce di luce”? Si chiese Proust. Alla fine comprese che ogni cosa, come nei miti orfici, poteva solo avere inizio dalla notte (Per molto tempo, sono andato a letto presto…), con tutto quel che vi era di collegato incluso il male più abissale. Ma si era anche illuso di finire presto, di restare recluso solo per pochi mesi, un anno al massimo. Poi avrebbe ripreso a vivere, a frequentare la bella società…

Il primo contatto di Marcel – il protagonista della Recherche - con la memoria involontaria è talmente noto da essere diventato una sorta di emblema del romanzo di Proust.

Mentre rientra a casa, in una sera d’inverno, la madre offre a Marcel una tazza di tè con una madeleine, con questo risultato (mi permetto qui, per un’unica volta, un comodo copia-incolla da Wikipedia):

Appena riconosciuto il sapore del pezzo di madeleine imbevuto nel tè caldo che una volta, molti anni addietro, era d'uso preparargli sempre la zia quando si trovavano a Combray, intere sezioni di memoria cominciano a venire a galla "proprio come nel giuoco in cui i giapponesi si divertono a mettere in ammollo in una ciotola di porcellana piena d'acqua piccoli pezzi di carta i quali, fino ad allora rimasti indistinti, cominciano a prender forma diventando fiori, case, personaggi coerenti e riconoscibili".

La memoria involontaria nasce quindi dall’interazione, che è una sovrapposizione, di un momento presente con un momento passato, il cui risultato è la resurrezione dell’io che ha vissuto l’esperienza originale e la contemporanea liberazione del ricordo, prima imprigionato nelle cose. L’insorgenza della memoria involontaria dipende infatti sempre dall’intervento di oggetti concreti, accessibili ai sensi: una pietra mal squadrata che oscilla, il suono di un cucchiaio contro un piatto, un tovagliolo premuto contro le labbra. Questo perché anche i veri ricordi sono frutto di un’interazione. E più esattamente, come scrive Proust: 

un precipitato dell’interazione tra la sempre mutevole coscienza personale e l’incessante mutamento del mondo.

Ma anche se la memoria involontaria è messa in moto dal caso, si tratta sempre e comunque di un caso necessario, governato dalla onnipresente legge del destino. Così che alla fine è proprio la casualità a essere la miglior garante della sua fondatezza nella verità: 

…la maniera fortuita, inevitabile, con cui la sensazione era stata incontrata, controllava la verità del passato che essa resuscitava, la verità delle immagini che metteva in movimento, giacché sentivo il suo sforzo di risalire verso la luce e la gioia del reale ritrovato.

Mentre il tessuto o la sostanza stessa che forma il continuum della memoria (anche se qui sarebbe forse il caso di scrivere “Memoria”) e fa da fluido connettivo (fondu, in gergo proustiano) tra i veri ricordi, è la luce.
E a proposito della luce, penso che chiunque abbia letto a fondo Henry Miller conosca, o dovrebbe conoscere, le voragini che si aprono improvvise nelle pagine dei suoi libri, quando un momento del passato, casualmente richiamato dalla legge dell’analogia, si sovrappone al momento presente. Sono abissi altrettanto densi di luce di quelli evocati da Proust, e non fa quindi meraviglia che lo stesso Miller, parlando della rilettura del suo Sexus durante la correzione delle bozze, scriva a Durrell di essere “rimasto abbagliato”.  
Sempre Miller scrisse una volta che non sarebbero bastati duemila libri a trascrivere il contenuto di una vita umana. Il compito della memoria proustiana si esaurisce infatti solo nel momento in cui l’intero regno dell’ombra è riportato alla piena luce, nel momento in cui tutti gli io sono divenuti oggetto di resurrezione. Deve essere tuttavia chiaro che il movimento qui proposto è esattamente rovesciato rispetto a quello operato dalla psicanalisi di stampo freudiano, che cominciava a diffondersi proprio all’epoca in cui Proust stava scrivendo. Non sono le parti inconsce a dover essere integrate nell’io così come noi lo percepiamo, ma è quest’ultimo che deve essere assorbito nel meccanismo del tempo, divenendo così soggetto alle sue leggi di morte nell’oscurità dell’oblio e resurrezione nella luce immutabile ed eterna della Memoria. Allora, in questo altro, nuovo regno della piena luce, perfino gli avvenimenti più dolorosi del passato cessano di gettare la loro ombra.
E voglio concludere ancora con Miller, con una citazione da Ricordati di ricordare che mi sembra costituire il cappello perfetto di questo articolo:
Uomini deboli, uomini accorti, uomini tristi, uomini di mondo hanno tentato di farci credere che la nostra vita è vana e inconsistente, che viviamo senza uno scopo, consigliandoci al tempo stesso di godercela finché possiamo. Ma quando s’apre una prospettiva importante, l’influenza di costoro evapora come sudore.
* * *
Opere in cartaceo consultate:
Alla ricerca del tempo perduto, Rizzoli 1985. A cura di Giovanni Bogliolo e Piero Toffano. Traduzione di Maria Teresa Nessi Somaini.
Alla ricerca del tempo perduto, I. Dalla Parte di Swann. Newton & Compton, 1990. A cura di Paolo Pinto e Giuseppe Grasso.
Pietro Citati, La colomba pugnalata. Proust e la Recherche. Mondadori 1995.
Henry Miller, La crocifissione in rosa (Sexus-Plexus-Nexus). Mondadori 1991-1993.
Henry Miller, Ricordati di ricordare. Einaudi 1965. Traduzione di Vincenzo Mantovani.
Henry Miller, I libri nella mia vita. Einaudi 1976. Traduzione di Giorgio Agamben.

41 commenti:

  1. Ribadisco quanto enunciato in apertura post: Trattazione lucidissima, Ivano ha volato alto, ha osato come solo le menti libere possono fare. Commosso ringrazio per questo post meraviglioso. Siamo quattro amici che chiacchierano e dissertano di libri e di autori, bene o male non importa. Questa è cultura. Quella vera. Fuori dai circuiti accademici che se la suonano e se la cantano tra loro.

    RispondiElimina
  2. Blogger non mi ha segnalato il post che poco fa -_- Ripasso per lettura (anche del tuo guest) appena ho "tempo" e calma! So già che sarò entusiasta dei vostri lavori *__*
    Buna serata e a poi ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò, ma il mio è solo un raccontino.

      Elimina
    2. Molto interessante e complimenti ad Ivano: tra tutto, emerge la grande passione a monte per tematiche e autori. Davvero vien voglia di approfondire *_*
      Massimiliano, il tuo raccontino dice molto ;) Bravo!
      Buona serata a tutti ^_^

      Elimina
    3. Grazie ancorà Glò, mi prendo i complimenti con piacere e li giro tutti a Ivano.

      Elimina
  3. Va beh, qui si parla a livelli troppo alti, non si può fare che i complimenti...davvero, bravissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite per i complimenti! Domani pomeriggio conto di passare a leggerti anch'io.

      Elimina
  4. Ivano!!! Che dirti? A parte che, sono contentissima di questo tuo articolo, così ben congeniato, come una architettura che apre una miriade di spunti!!! Concordo, sei stato bravissimo, dovresti fare il prof a scuola :D
    Inoltre per una serie di motivi che non sto qui a citare, sei in perfetta sincronia con alcune mie letture sul senso del tempo, dei ricordi e di vivere il presente in tutto e per tutto, anche se dalla citazione finale sembrerebbe affermare il contrario.
    Anche sostenere il mondo dei sogni come una parte integrante del nostro vivere appieno la vita e sublimarci nella letteratura, nell'arte non come riempitivi di una vita inutile, ma come incanalatori di energia vibrante....
    oh lo continuerai vero?
    :D Grazie anche a te Massimiliano per aver ospitato l'evento :) sei stato molto gentile, come tutti del resto, un salutone!
    Bravi blogger :DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ximi, per me è stato un grande piacere. Grande.

      Elimina
    2. Grazie del commento dettagliato Ximi. La citazione finale per me significa semplicemente non accontentarsi di vivere in una beata ignoranza della vera natura della realtà, con la scusa del "tanto non possiamo sapere niente di niente, allora tanto vale adagiarsi comodi comodi sul carpe diem che fa così trendy".

      Elimina
  5. Non avendo mai letto nulla di Proust e Miller mi è un po' difficile seguire il discorso come merita, ma ho trovato molto intrigante l'affermazione di Miller riguardo il fatto che le opere provengano dall'inconscio. Una visione molto maieutica della produzione letteraria, che ha, direi, richiami con l'automatismo psichico puro del surrealismo.

    RispondiElimina
  6. Miller ha rotto tutti gli schemi della narrazione, ha creato una forma nuova di linguaggio, ha creato una scala di valori che mette in risalto ciò che di umano ci rende Dei, ha reso Dio umano. Uno sputo in faccia agli intellettuali di posa di allora, ricordo sempre un passo del "tropico del capricorno": eran penosamente puliti, ma dentro puzzavano. Direi che possiamo adattarla a molte "degne persone e fini e colti luminari dei nostri giorni. Ai servi di palazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna mi trovo in compagnia di un illustre milleriano come Massimiliano, che può affrontare a sua volta il discorso con cognizione di causa. Verissimo che i due Tropici sono stati come due atomiche sganciate senza preavviso nel mare magnum letterario dell'epoca. Poi il suo stile di scrittura si è fatto meno agitato e più strutturato, ma sempre zeppo di affondi memorabili, in particolare nei confronti della società americana.

      Elimina
    2. Ma che illustre milleriano, l'ho solo letto e apprezzato. Dovessi dirti quando lo lessi da giovane colsi solo gli aspetti più smaccatamente pruriginosi, certe consapevolezze sono arrivate dopo.

      Elimina
  7. Come leggere un testo di studio di letteratura italiana. Uno di quelli fatti bene. Davvero una piacevolissima lettura, mi ha dato modo di conoscere più aspetti di Miller e di rinfrescare la memoria riguardo concetti e tematiche studiate a suo tempo. Alla fine del post mi sono ritrovato arricchito. Molto molto bello, bravissimo Ivano!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite per le belle parole, Cercatore. Se ha arricchito qualcuno, è il massimo che posso aspettarmi da questo post :))

      Elimina
  8. I miei complimenti per il post.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille dei complimenti, Cavaliere :))
      Passerò a trovarti, che è un pezzo che non lo faccio. Difficile seguire sempre tutti -_-

      Elimina
  9. Sinceramente per me si vola troppo alto... non so che dire se non ammirare la capacità di Ivano di sondare i testi e cavarne un senso. L'unica riflessione che mi viene in mente è che l'utlizzo di memorie diverse da quella conscia aumenta la possibilità di attingere a quella memoria collettiva dove è iscritta la storia di ognuno e che quindi è comprensibile più a livello, appunto, di sogno che di realtà. Si può dire, con tutti i distinguo del caso, che siamo di fronte alla stessa esperienza degli scrittori 'maledetti, da Kerouack a Dick fino alle esperienze di A. Huxley?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo degli autori che citi, Juan, so davvero troppo poco per fare confronti con il metodo, o anti-metodo, di Proust e Miller. Quest'ultimo in realtà non ha mai avuto nessuna simpatia per le esperienze alternative stile figli dei fiori, con tutto il loro armamentario psichedelico, quindi immagino ci siano delle differenze e forse anche rilevanti.

      Elimina
  10. Un vero florilegio per due autori le cui opere avranno sempre degli estimatori.
    Credo che se potessero ringrazierti, lo farebbero.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, che bel commento, Cristiana :) "Florilegio" poi è una parola che mi piace molto.
      E in ogni caso, tutti questi commenti e segni + in un post così lungo ma anche forse troppo condensato, sono già di per sé una bella forma di ringraziamento ;)

      Elimina
  11. Hai fatto un gran bel lavoro, Ivano, complimenti! Non conosco l'opera di Miller, ma capirlo attraverso l'attenta disamina condotta in questo testo me lo ha fatto davvero apprezzare. Proverò ad approfondire.
    Grazie anche al padrone di casa per questa bella lettura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un salutone Marina, grazie per la visita.

      Elimina
    2. Mille grazie, Marina :))
      Miller non è un autore facile, e il fatto che spesso sia consigliata di lui solo la lettura dei due Tropici, che per quanto stilisticamente straordinari rappresentano una fase poco matura del suo pensiero, ha generato molti fraintendimenti su di lui.
      E un grazie enorme, per la generosa ospitalità, va senza dubbio al padrone di casa :))

      Elimina
  12. Una dote di Ivano (e già glielo dissi) è il rendere leggere e interessanti tematiche che per natura possono essere pesanti e con questo post si è confermato, nonostante sia un post lungo.
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti temevo un po' un effetto pesantezza. Mi fa piacere sapere che non è così. Grazie mille, Michele :))

      Elimina
  13. Articolo di Ivano molto professionale come sempre (se passa un docente universitario da queste parti fa copia/incolla e poi lo spaccia per suo ;-)
    La "morte" costante dell'io e la sua interminabile evoluzione sono temi interessanti trattati da filosofi dell'antichità e moderni, due letterati come Proust e Miller hanno probabilmente espresso narrativamente ciò che i filosofi hanno tentato di definire con saggi e tesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma secondo te i docenti universitari lo capiscono? :D :D :D

      Direi che la tua analisi è più che perfetta, Ariano. Grazie del bel commento :)

      Elimina
  14. Ivano riesce sempre a fare delle analisi acute rendendo la lettura leggera. Grazie anche a Massimilisno che lo ha ospitato, che bella la citazione finale di Miller.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre all'ospitale Massimiliano bisogna ringraziare anche la vulcanica Blogghidee, che ha permesso l'esistenza di questo articolo. Lo avevo da tanto in mente ma non mi decidevo mai a scriverlo.
      Grazie per il passaggio e per il tuo molto gradito apprezzamento, Giulia :)
      Miller è un grande e, come tutti i grandi, non fa prigionieri ^_-

      Elimina
  15. Che articolo!
    Complimenti vivissimi. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie Pirkaf :))
      Caspita, questo blog è un vero punto di ritrovo! Uno alla volta state arrivando tutti ^_^

      Elimina
  16. Un buon Guest Post letterario è quanto di più prezioso che arricchisce soprattutto gli amici "fruitori" del Blog.

    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gennaro, mi ha fatto piacere ospitare Ivano, molto piacere.

      Elimina
    2. Grazie anche da parte mia :)) Tornerò molto presto a occuparmi di Proust, però al mio indirizzo di residenza ^_-

      Elimina
    3. Questo post è magistrale e ha avuto un grande successo. Sono io che ti ringrazio.

      Elimina
  17. Pur avendo letto e amato "La crocefissione rosea", ormai molti anni fa, non ricordavo (o forse non ho mai saputo) che fosse un romanzo incompiuto. Davvero curioso perché se non sbaglio Nexus terminava con la sua partenza per l'Europa e quindi, tecnicamente, chiudeva perfettamente il racconto di una parte della sua vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La seconda parte di Nexus doveva appunto narrare dei primi tempi a Parigi di Henry in compagnia di June.
      In realtà è stata anche pubblicata nel 2012, con il titolo "Paris 1928", in un'edizione che raccoglie tutti gli appunti lasciati da Miller e forma una parvenza di storia, ma non l'ho letta.

      Elimina
  18. P.S.: mi dicono dalla regia che la famosa frase proustiana del "pezzo di madeleine imbevuto nel tè" viene citata anche da Lars Von Trier nel suo Nynphomaniac...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora che mi ci fai pensare... mi sa che dovrò rivedere il film :O

      Elimina

I commenti sono graditissimi, nessuna opinione verrà censurata. Grazie a chi avrà voglia di lasciare un segno del suo passaggio