scrivere per vivere vivere per scrivere

scrivere per vivere vivere per scrivere
La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli andati. (René Descartes) ********************************************************************************************** USQUE AD FINEM

venerdì 17 giugno 2022

LOST IN TRANSLATION?

 


I bilanci non mi sono mai piaciuti. Forse perché evocano la fine di un percorso. Mi limito soltanto a rievocare alcune tappe della mia vita. Tra queste c’è l’incontro con la donna della mia vita, colei che mi sopporta da tredici anni e che da sei è mia moglie (ieri abbiamo festeggiato l'anniversario). Lei è meravigliosa mentre io sono un vecchio orso casinista con troppe cose da farsi perdonare, questo in generale.

Questi ultimi anni sono stati difficili, ho avuto seri problemi di salute che hanno stravolto l’esistenza della mia piccola e coraggiosa famiglia. In compenso ho avuto la prova di cosa significa avere accanto una persona che ti ama oltre ogni limite.

In molte occasioni mi è venuta a mancare la forza che sempre ha caratterizzato il mio modo di affrontare la vita, ma non sono mai crollato. Questo perché al mio fianco c’era chi non ha mai smesso di sorreggermi e di spronarmi. Spesso con parole dolci e di conforto, e altre volte, quando necessario, con sonori calci nel sedere. Devo dire di aver riscoperto quanto il linguaggio dell'amore sia sempre diversificato: spesso le parole e i gesti vanno tradotti correttamente. È però necessario essere attenti per non perdere alcuni dettagli fondamentali, sfumature essenziali che sfuggono a una lettura veloce.

Quindi nessun bilancio, ma la celebrazione dell’amore mio sì.



Adesso potete tutti andare a prendere qualche anti diabetico, leggere certe sdolcinature nuoce alla salute.

Forse non è il modo migliore per tornare a scrivere sul blog ma non posso farci niente, mi girava così.

Ho trascurato molte persone che mi hanno onorato della loro amicizia virtuale, mi scuso. 


Un poco alla volta, ricomincerò a scrivere sul mio bloggetto. 



Devo dire che il fatto di aver riscontrato una continua lettura dei miei post nonostante la latitanza del sottoscritto mi sprona parecchio, oltre trecentomila visite non sono poche per un blog in disuso da tre anni. 


Vedremo. Non ho nemmeno idea di quale linea seguire. Probabilmente tornerò con i miei cazzeggi, facezie e post inutili.

A presto




© 2022 di Massimiliano Riccardi 

16 commenti:

  1. Anche qui, Max, auguri per questo anniversario. Ma poi gli anniversari comprendono anche gli anni prematrimonio, comprendono tutto. E in quel tutto c'è il bello dello stare assieme. Ti scrive una che ha lo stesso compagno di vita dal lontano 1986 (e quest'anno saranno 25 anni di matrimonio). Mi piace molto, moltissimo che tu abbia intenzione di tornare a scrivere. Potrebbe spronare diversi amici blogger a tornare? Dai, secondo me si può fare. Noi stiamo resistendo, ma c'è bisogno di linfa, altrimenti non si possono compiere miracoli. Ti aspettiamo, Max. :) E ancora auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lu, grazie per la bella osservazione. In effetti sulle fedi nuziali abbiamo inciso la data della prima volta che siamo stati insieme, non quella del giorno delle nozze. Auguri per i tuoi 25 anni.
      Voglio tornare a scrivere, sperando di non annoiare e di divertirmi io stesso. Un grande, grandissimo abbraccio

      Elimina
  2. Finalmente ti si rilegge!
    Ho fatto un trasloco di quelli tosti e , fiacca per il caldo, non ho avuto voglia di andare a cercare 'L'eredità delle tenebre' così, per non saper ne' leggere ne' scrivere, ho ricomprato il tuo romanzo, anche perchè, dal riassuntino, non mi sembra di averlo letto.
    A presto e un abbraccio.
    Cristtiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri, è un piacere anche per me.
      Hai preso il mio ultimo? L'eredità delle ombre? Speriamo in bene, spero ti piaccia. Ricambio l'abbraccio, anzi sentiti strizzata a distanza.

      Elimina
  3. Grande, bentornato! E comunque, se hai accanto una persona che ti ha dato tutto il sostegno che necessitavi si vede che evidentemente anche tu hai sempre fatto in modo di meritartelo, di questo sono certo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariano, grazie. Devo dire che non sempre mi sono meritato ciò che ho avuto, le donne sono più generose di noi maschietti. un caro saluto.

      Elimina
  4. Sono felice del tuo ritorno al blog, soprattutto perché vuol dire che i tuoi problemi di salute di sono risolti, grazie al tuo amore e anche un po' a te stesso. È bello sentir parlare d'amore senza schermi.
    Aspetto di leggere i tuoi prossimi post. Un grande abbraccio di bentornato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, grazie. Sì, credo che alla mia età si possa parlar d'amore senza schermi o sovrastrutture. Ti ringrazio per essere passata da queste parti, ricambio con piacere l'abbraccio.

      Elimina
  5. Uh, Madonna, credevo di aver avuto un'allucinazione!
    Tre anni che manchi? Già così tanto?
    Felice di sapere che stai bene .... felice che sei felice.
    Il tuo blog nella lista dei blog preferiti c'è sempre, come vedi "mi sono accorta" che sei tornato, ma pure io sono molto, molto latitante, come tanti di noi!
    Il mio armadio è chiuso per ristrutturazione ... da non so neppure io quando .... mah ..... ogni tanto scribacchio da un'altra parte, ma sono diventata pigra .....
    Mi sa che stiamo invecchiando .... un abbraccio, Massimiliano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede. Io sto invecchiando, le signore restano sempre giovani. Spero di tornare a scribacchiare più spesso. Mega abbraccio.

      Elimina

I commenti sono graditissimi, nessuna opinione verrà censurata. Grazie a chi avrà voglia di lasciare un segno del suo passaggio