scrivere per vivere vivere per scrivere

scrivere per vivere vivere per scrivere
La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli andati. (René Descartes) ********************************************************************************************** USQUE AD FINEM

giovedì 14 dicembre 2017

Il margine dell'alba - di Mariangela Cerrino


Desidero presentarvi un romanzo storico dell'autrice Mariangela Cerrino:
IL MARGINE DELL'ALBA (Golem Edizioni)

La storia è ambientata nel '500, lo sfondo è quello del drammatico scontro tra cattolici e riformati. L'azione principale  si svolge nelle valli e sulle montagne a cavallo delle Alpi, un vero e proprio esempio di tentativo di quella che oggi viene definita "pulizia etnica" a danno della comunità Valdese. Stragi e uccisioni di massa, persecuzioni, devastazioni, il tutto visto con l'occhio di alcuni protagonisti che vedono lo stravolgimento delle loro esistenze. Personaggi realmente esistiti e fatti accaduti si confondono con naturalezza tra i personaggi nati dalla fantasia dell'autrice. Alla fine, tutto ciò che rimane è la vicenda umana dei protagonisti così magistralmente narrata dall'autrice.

«È così che ti prende. All’improvviso. E ti accorgi di non essere più
dove sei, ma da qualche altra parte, lontano, e vedi il tuo corpo di sangue
aspettare la tua anima, che fugge, a cercare cose che i tuoi occhi non
sanno più vedere… La tristezza è l’ombra di una nuvola su di un prato
fiorito, in un giorno di festa. O il gelo del buio, sul margine dell’alba.»

Uomini e donne che lottano per la libertà di pensiero, altri che utilizzano il simbolo di Cristo come pretesto per annientare coloro che non vogliono allinearsi. Storie d'amore che tentano di sopravvivere nonostante tutto, uomini di fede e d'arme che senza remore si lanciano incontro alla morte in nome dell'onore o degli ideali.

«Sei uno dei pochi che non si fa comprare, né con la ricchezza né con il potere. In questo nostro tempo dove tutto ha un prezzo, persino la salvezza dell'anima, io trovo questo fatto un evento straordinario.»


Come me vi innamorerete di personaggi come il terribile e controverso capitano Lacazette (il veramente esistito Jean Louis Arlaud, conosciuto come capitano Lacazette), del magnifico Etienne de Villard barone des Allards, delle meravigliose protagoniste femminili Félicienne Borel e Eliselle Combin, come di tutti gli altri.

«Mi piace pensare che il Paradiso possa essere soltanto questo: il luogo più caro del cuore, al fianco di quelli che hai davvero amato. Null'altro. Forse la vera fede è soltanto amore.»


La scrittura di Mariangela Cerrino è potente, evocativa, trasuda amore per i luoghi delle sue origini famigliari: la Val di Susa, il Piemonte in generale, le Alpi marittime ma anche la Savoia. Terre aspre, e al contempo rigogliose e fiere, che nello scacchiere politico religioso dell'Europa del XVI° secolo hanno vissuto una delle pagine più brutali legate all'intolleranza religiosa.

"I ricordi che non si possono cancellare sono tra i nemici più pericolosi. Fanno nascere le leggende e divampare le rivolte."

I parallelismi con le vicende drammatiche che scuotono i nostri giorni sono molti. L'odio e l'intolleranza, a quanto pare, sono il segno di quanto poco l'essere umano abbia imparato dalla storia.

Sinossi

Anno 1540. Sullo sfondo di un’Europa lacerata dall’eterno scontro tra Francia e Spagna e dalla contesa tra cattolici e riformati, si intrecciano le vite di Jean Louis Arlaud e di Etienne di Villard. Il primo, figlio di un notaio di Oulx, ha come unica aspirazione quella di combattere e guadagnarsi il potere e la nobiltà; il secondo, ultimo erede di una famiglia valdese distrutta dall’Inquisizione, è stato cresciuto come un cattolico, ma è sempre accompagnato dall’ombra del sospetto, da un’inestinguibile sete di giustizia e dal suo spirito di tolleranza, che lo rende estraneo alle ambizioni dell’amico.
Ma quando gli equilibri si spezzano, si accendono i roghi e le persecuzioni sfociano in un’aperta guerra di religione, Etienne dovrà compiere una scelta e trovare la sua strada, la sola che Jean Louis, ormai conosciuto come capitano Lacazette, non può e non vuole percorrere.
Tra emozioni, scontri, patti e tradimenti, mezzo secolo di storia, luoghi vissuti, memorie da non dimenticare e personaggi artefici del proprio destino.
Il margine dell'alba è un romanzo che mi sento di consigliare a tutti. L'ennesima prova della bravura di una delle autrici più complete e poliedriche del panorama editoriale italiano: Mariangela Cerrino.

Per informazioni sulla vastissima produzione letteraria di Mariangela Cerrino cliccate QUI per accedere a wikipedia, oppure QUI per visitare il suo sito personale. QUI per acquistare subito il libro.

© 2017 di Massimiliano Riccardi

28 commenti:

  1. Interessante recensione. Mi hai incuriosita.
    Buona giornata Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patri, la Cerrino è una scrittrice che mi piace molto. Ha scritto romanzi storici veramente molto belli. È dagli anni '60 che scrive, ha pubblicato con grandi case editrici affrontando molti generi, dal noir al fantasy ecc.

      Elimina
  2. Interessante, i corsi e ricorsi della storia.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa. Romanzo molto bello, non ha leso la sensibilità di nessuno ha reso quei tempi passati valorizzando gli impeti di fede che muovevano gli animi da ambo le parti, senza essere faziosa.

      Elimina
  3. Caro Massimiliano, veramente interessante la storia che questo libro racconta, tutti fatti avvenuti!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, grazie di cuore per il tuo intervento. Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  4. Interessante. Mi sono appuntato i link per andare a curiosare.

    Quanto all'essere umano, credo che non abbia mai imparato dal passato. Non ho potuto fare a meno, mentre leggevo il tuo post, di ripensare alla crociata albigese che, rispetto alle vicende accennate nella trama, è avvenuta tre secoli prima ancora.
    Ma anche senza andare troppo in là nei secoli, certe "crociate" sono accadute anche nel "recente" '800.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Darius, grazie. È come dici tu, i riferimenti storici sono innumerevoli. Tutto si ripete e si ripresenta, con nomi diversi, con facce diverse. L'humus culturale può cambiare, ma la spinta dell'uomo contro l'uomo è sempre la stessa.

      Elimina
  5. Interessante e ahimè ancora attuale in tante parti del mondo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo. Sì, è esattamente quello che ho colto anche io leggendo il libro.

      Elimina
  6. Ti è sempre piaciuta. Non tanto per il fantasy ma per i romanzi storici.

    RispondiElimina
  7. Scopro che molti hanno già letto con molto piacere il tuo libro.
    E io, che faccio?.
    Ciao
    Cri


    Gentile Cliente,

    Ti informiamo che non disponiamo ancora della data di consegna 407-7896258-7809907 prevista per i seguenti articoli e stiamo facendo il possibile per spedirli non appena saranno nuovamente disponibili.

    Riccardi, Massimiliano "Tutto è tenebra"
    http://www.amazon.it/dp/886970114X

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana, è un casino, hai ragione, mi dispiace. Pensa che nemmeno io ho ricevuto le copie di spettanza all'autore. Dove sicuramente si riesce a prenderlo on-line, per adesso, è qui:
      https://www.ibs.it/tutto-tenebra-libro-massimiliano-riccardi/e/9788869701146
      Mi spiace per i disagi, non dipende da me, la distribuzione e la vendita sono in mano all'editore.

      Elimina
    2. Ma lo so che non dipende date, Max!
      Solo che lo volevo sotto l'albero.
      Ora provo queell' hurl.
      Cri

      Elimina
    3. Grazie Cristiana, mi fai veramente commuovere, credimi perché ogni libro è come un figlio. Grazie.

      Elimina
    4. Non è disponibile neanche su IBS.
      Spero che sia perchè hanno venduto tutte le copie.
      Per favore, avvisami quando Amazon o IBS lo avranno
      BUONE FESTE a te e famiglia.
      Cri

      Elimina
    5. Grazie Cristiana, ieri ho avuto una lunga discussione con l'editore, ha promesso che rimedierà. Grazie per l'incoraggiamento e sopratutto grazie per la pazienza. Appena so qualcosa ti avviso.

      Elimina
  8. Ciao massi,grazie per il suggerimento letterario....trama molto interessante, di sicuro un libro da leggere con attenzione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca, sei super. È davvero un bel romanzo per chi ama la storia e le trame avventurose cariche di pathos.

      Elimina
  9. Non conoscevo questa autrice, bella la definizione del paradiso, il luogo più caro del cuore accanto a coloro che abbiamo amato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia. Ti ringrazio tanto per essere passata da queste parti e per questo post specifico. Ti dimostri la persona in gamba e spontanea che ho sempre immaginato. Molti blogger intervengono soltanto quando si parla di romanzi appartenenti alla solita cerchia, ce la cantiamo e suoniamo tra di noi, insomma. Questo la dice lunga. Mariangela Cerrino è una signora che scrive e vive di letteratura sin dagli anni sessanta, ha pubblicato con i più grandi editori, molte sue opere vengono ancora ripubblicate. Certo, non beneficiando della ribalta giornalistica è sconosciuta a molti, ma ugualmente apprezzata dai suoi lettori e da molti del circuito editoriale. Ha scritto di tutto, dalle storie western, al romantic, al romanzo storico, al fantasy, al mistery, dalla fantascienza al noir. Sonzogno, Longanesi, Rizzoli ecc.Ha collaborato con la Peruzzo, la Mondadori e altre case editrici per antologie e racconti.Io la trovo fantastica, è una donna schiva, che umilmente e senza clamore, ma con forza e determinazione, fa letteratura da una vita intera. Io l'ho scoperta anni fa grazie ai romanzi storici, non l'ho più mollata. Ma ha anche scritto dei Noir bellissimi: http://massimilianoriccardi.blogspot.it/2015/10/il-ministero-delle-ultime-ombre-di.html

      Elimina
  10. Grazie dell'informazione, della tua sinossi e delle tue note critiche.
    Modestamente ammetto la mia ignoranza: non conoscevo questa autrice.
    Cerco di tappare la falla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo, grazie a te per avermi letto. Ti mando un grosso abbraccio.

      Elimina
  11. Arrivo in ritardo, ma arrivo. Molto interessante il libro e soprattutto gran bella presentazione hai fatto, si vede che ti ha davvero conquistato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, grazie. Sì, non è il primo che leggo di questa autrice. Mi piace. Grazie per i complimenti in merito alla presentazione, non sono molto bravo nel recensire ma ci metto tutto l'impegno.

      Elimina
  12. Buon Natale caro Max. Ti abbraccio forte💛

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te Mariella. Un grande abbraccio anche da parte mia.

      Elimina

I commenti sono graditissimi, nessuna opinione verrà censurata. Grazie a chi avrà voglia di lasciare un segno del suo passaggio