scrivere per vivere vivere per scrivere

scrivere per vivere vivere per scrivere
La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli andati. (René Descartes) ********************************************************************************************** USQUE AD FINEM

sabato 22 agosto 2015

Facezie... Il potere degli stupidi - Tratte da una riflessione di Carlo "Maria" Cipolla


Sono molti gli stimoli che ci scrollano dal torpore e che portano a valutare quello che è il mondo circostante con desolante lucidità. Immancabilmente, come fosse una costante matematica osserviamo la presenza degli stessi personaggi, facce diverse, nomi diversi, ma caratteristiche antropologiche identiche. 
Non è difficile comprendere come il potere politico o economico o burocratico accresca il potenziale nocivo di una persona stupida. Ma dobbiamo ancora spiegare e capire cosa essenzialmente rende pericolosa una persona stupida; in altre parole in cosa consiste il potere della stupidità.
Essenzialmente gli stupidi sono pericolosi e funesti perché le persone ragionevoli trovano difficile immaginare e capire un comportamento stupido. Una persona intelligente può capire la logica di un bandito. Le azioni del bandito seguono un modello di razionalità: razionalità perversa, se si vuole, ma sempre razionalità. Il bandito vuole un «più» sul suo conto. Dato che non è abbastanza intelligente per escogitare metodi con cui ottenere un «più» per sé procurando allo stesso tempo un «più» anche ad altri, egli otterrà il suo «più» causando un «meno» al suo prossimo. Tutto ciò non è giusto, ma è razionale e se si è razionali lo si può prevedere. Si possono insomma prevedere le azioni di un bandito, le sue sporche manovre e le sue deplorevoli aspirazioni e spesso si possono approntare le difese opportune.
Con una persona stupida tutto ciò è assolutamente impossibile. Come è implicito nella Terza Legge Fondamentale*, una creatura stupida vi perseguiterà senza ragione, senza un piano preciso, nei tempi e nei luoghi più improbabili e più impensabili. Non vi è alcun modo razionale per prevedere se, quando, come e perché, una creatura stupida porterà avanti il suo attacco. Di fronte ad un individuo stupido, si è completamente alla sua mercé.
Poiché le azioni di una persona stupida non sono conformi alle regole della razionalità, ne consegue che:
a) generalmente si viene colti di sorpresa dall’attacco;
b) anche quando si acquista consapevolezza dell’attacco, non si riesce ad organizzare una difesa razionale, perché l’attacco, in se stesso, è sprovvisto di una qualsiasi struttura razionale.
Il fatto che l’attività ed i movimenti di una creatura stupida siano assolutamente erratici ed irrazionali, non solo rende la difesa problematica, ma rende anche estremamente difficile qualunque contrattacco – come cercare di sparare ad un oggetto capace dei più improbabili ed inimmaginabili movimenti. Questo è ciò che Dickens e Schiller avevano in mente quando l’uno affermò che «con la stupidità e la buona digestione l’uomo può affrontare molte cose» e l’altro che «contro la stupidità gli stessi Dei combattono invano».
Occorre tener conto anche di un’altra circostanza. La persona intelligente sa di essere intelligente. Il bandito è cosciente di essere un bandito. Lo sprovveduto è penosamente pervaso dal senso della propria sprovvedutezza. Al contrario di tutti questi personaggi, lo stupido non sa di essere stupido. Ciò contribuisce potentemente a dare maggior forza, incidenza ed efficacia alla sua azione devastatrice. Lo stupido non è inibito da quel sentimento che gli anglosassoni chiamano self-consciousness. Col sorriso sulle labbra, come se compisse la cosa più naturale del mondo lo stupido comparirà improvvisamente a scatafasciare i tuoi piani, distruggere la tua pace, complicarti la vita ed il lavoro, farti perdere denaro, tempo, buonumore, appetito, produttività – e tutto questo senza malizia, senza rimorso, e senza ragione. Stupidamente.

Sempre, lo stupido, ha un'altissima opinione di se. Di solito è specializzato in qualcosa che lo vede eccellere per cui si arroga il diritto di contrastare chiunque. Ci riesce. Molto spesso. Persevera, senza motivo. Stupidamente.

© 2015 di Massimiliano Riccardi

27 commenti:

  1. Il fatto che uno stupido non sappia di essere tale, fa sì che tutti noi si sia in potenza stupidi, finché un numero abbastanza grande di persone non ci convinca del contrario. Ma se queste persone mentissero per pura cortesia?

    P.S. Wikipedia riporta: "Nelle pubblicazioni viene abitualmente nominato come Carlo M. Cipolla a seguito dell'invenzione, da parte sua, di un inesistente secondo nome, che viene solitamente interpretato, in maniera erronea, come Maria".

    RispondiElimina
  2. Per fortuna ho superato la fase dell'autocompiacimento e dopo attenta analisi mi sono convinto della stupidità che permea il mio essere. E' un balocco, un trastullo che aiuta a superare tanti disagi esistenziali. Te ne sarai accorto dallo stile con cui mi diverto in molti post. Diciamo che questa consapevolezza mi permette quantomeno di non essere nocivo agli altri come accade invece al tipo di stupidi che cito nell'articolo. Avevo letto la nota su wiki prima pubblicare cose sue, a maggior ragione ho preferito usare "Maria", sottolinea la natura fallibile di chi emette giudizi. Da cultore di saggi storici, Cipolla, Le Goff, Carcopino ecc.. sono letture che mi accompagnano da quasi trentanni. Ho piacere che anche tu lo conosca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non lo conoscevo. Mi sono letto la pagina su Wikipedia per capire meglio senso e origine del tuo articolo ;D

      Elimina
    2. Non dimentichiamo, dalla fotografia di Ollio con tanto di frase e dai passaggi ironici si dovrebbe intuire, che è tutto all'insegna del divertimento, del gioco, un trastullarsi con le parole e con i concetti.

      Elimina
  3. Una cosa leggera ma illuminante che consiglio, al di la delle analisi storico-economiche più difficili da digerire, è "Allegro ma non troppo". E' di una intelligenza così fuori dagli schemi da potersi quasi definire anarchica.

    RispondiElimina
  4. Da buon fiorentino, ironico quanto basta, Ivano ha ragione da vendere anche perchè oltre alla stupidità regna anche l'opportunismo e se fa utile mentire.... perchè non farlo?
    Tu Max non hai affatto torto. Difendersi da certe persone è praticamente impossibile. Non sai nè quando nè dpve nè come possono colpire. Ti stendono al primo colpo e devi capire cosa sta succedendo per riaverti e cercare di difenderti.
    C'è sempre solo da sperare che con la loro stupidità non ci colpiscano in punti troppo vulnerabili e difficilmente riparabili e recuperabili.

    RispondiElimina
  5. Grazie Patricia, Cipolla per me che ho fatto le magistrali, come si diceva un tempo, era un must per le sue teorie che correlavano alfabetizzazione e sviluppo economico, oltre a Geymonat e altri studiosi ovviamente.

    RispondiElimina
  6. Ho formazione storica, sempre studiato Carlo Maria, se poi M. è solo vezzo... sarà che nel mio dipartimento di storia abbiamo sempre dato più peso alla sostanza che alla forma (è una - mezza - critica al Cipolla stesso: che mi frega se ti chiami in altro modo? Boh! XD). Che scherzone -_-
    Sui presunti stupidi, ovvero quelli che io avverto tali: me ne frego!

    RispondiElimina
  7. Ciao Glò, non sono sicuro ma credo che la M sia nata per differenziarsi dal punto di vista delle pubblicazioni da un altro Cipolla vissuto a cavallo del '900.Per il resto hai ragione su tutta la linea. In merito alla forma.. forse ora, e dico forse, ci si occupa di sostanza, perché la Storia, come noti con la S maiuscola, una volta analizzata, digerita,scremata, arrivava nelle scuole dei miei tempi molto attenta alla forma, quasi di "regime", volendo usare un termine forte.Ma qui ci vorrebbero giornate di discussione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, a me non è mai capitato di studiare storia e trovare nei manuali tagli ideologici non dichiarati. Il problema è relativo a chi insegna e non è formato adeguatamente. La manualistica deve essere una semplificazione, a scuola non hai che poche ore riservate. Non è che si possa proporre di meglio. Poi ovviamente è anche cambiato il metodo con il tempo: si è data via via più importanza alle fonti materiali. Ma parliamo già di specializzazione. Alcuni manuali più recenti sono già un buon compromesso (quando dico manuali, intendo genericam. libri adatti alle scuole superiori) :P

      Elimina
  8. Sì, hai ragione, mi sono espresso male, alludevo al connotare alcuni avvenimenti con valenze che poi risultano, a una più attenta analisi addirittura diverse da come venivano riportate. Un esempio eclatante: la tragedia degli esuli Fiumani, misconosciuta ai più e addirittura travisata, ma ci sarebbero mille altri esempi. non voglio annoiare nessuno.

    RispondiElimina
  9. Il mio datore di lavoro ha in ufficio da anni lo schema coi quattro riquadri di "intelligente-sprovveduto-stupido-bandito" e oggi ho scoperto chi era l'autore (confesso che non conoscevo Cipolla).
    Che dire, mi hai aperto una porta in una stanza che non conoscevo e che penso esplorerò con interesse ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariano, grazie per la visita. Cipolla è più che altro uno storico. Tra le altre cose un buon divulgatore, i suoi saggi sono molto descrittivi, non annoiano. Il post è evidentemente ironico,.

      Elimina
  10. Aggiungo che la stupidità è un business di proporzioni gigantesche che sta raggiungendo picchi di popolarità veramente imbarazzanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prince, come darti torto. La stupidità è imperante, basta ascoltare un telegiornale o guardare una qualsiasi trasmissione televisiva. Ci hanno uccisi così, appiattendoci. Leggi il post sul BUON FERRAGOSTO.

      Elimina
  11. Concordo pienamente più che nel bandito o nello sprovveduto il pericolo sta nello stupido che dall'alto della sua presunta saccenza si arroga il diritto di contrastare gli altri talora ferendoli senza rimorso e senza ragione, ma semplicemente per stupidità......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Francesca e sappiamo esattamente di cosa parliamo. Questo post scherzoso è dedicato anche ad alcune persone di nostra conoscenza. Un bacione. Non ci pensare tira dritto, tra poco festeggeremo la tua seconda laurea. Cazzarola.

      Elimina
  12. Ma sì.....piano piano le soddisfazioni arrivano ci vuole solo tempo e tanta costanza!!!!

    RispondiElimina
  13. Verissimo....forse a volte che lo stupido lo faccia anche x una convenienza? mah.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fioredicollina, in effetti ci sono anche quelli... come dicevano i nostri nonni? "Fare da scemi per non pagare il dazio". Ma quelli sono riconducibili alla categoria dei cialtroni, li becchi facilmente.

      Elimina
  14. Post molto interessante e, purtroppo, sempre attuale. Credo che nella riflessione di Cipolla che ci proponi chiunque abbia riconosciuto il comportamento di qualche persona incontrata (realmente o virtualmente) nella vita. Mi ha colpito soprattutto il passaggio "Dato che non è abbastanza intelligente per escogitare metodi con cui ottenere un «più» per sé procurando allo stesso tempo un «più» anche ad altri, egli otterrà il suo «più» causando un «meno» al suo prossimo", che mi fa venire in mente uno stuolo di personaggi che ha questa pessima abitudine...

    RispondiElimina
  15. Ciao Cristina, lungi dal volermi inserire nella schiera dei tuttologi che hanno la verità in tasca, ho voluto solo stigmatizzare scherzosamente dei comportamenti che frequentemente incontriamo e, perché no, riconducibili a episodi dove noi ci siamo comportati "stupidamente". Ovviamente, come si capisce dalla foto con il grande Ollio e dal tono delle mie osservazione a integrazione del pensiero di Cipolla, con senso di ironia. Le persone stupide ci sono, esistono, come ci sono ed esistono le persone cattive. Tolta la giusta autocritica per evitare di cadere noi stessi in certi meccanismi malsani, il mio invito è quello di seppellire con una risata chi ci vuole nuocere. Tutto lì. Ti ringrazio per esserti unita al blog, cavoli, mi dai lustro. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale lustro, anzi, sono felice di essere approdata qui e di trovarvi anche delle "vecchie conoscenze"!
      Quanto all'ironia, è evidente e hai trattato sottilmente l'argomento: vorrei davvero essere capace di "seppellire con la risata", come dici tu, ma a volte non ci riesco e da questi danneggiatori mi salvo solo ignorandoli!
      Grazie e alla prossima!

      Elimina
    2. Va bene Cristina, chi non ha stima di te dovrebbe farsi un giretto nel tuo blog e leggere di cosa parli e che argomenti tratti... se tanto mi da tanto... possono solo che rodersi. Un salutone.

      Elimina
    3. Troppo buono! Intanto mi tengo buone le argomentazioni di Cipolla per costruirmi una nuova filosofia di vita! Un saluto a te e a presto! :)

      Elimina

I commenti sono graditissimi, nessuna opinione verrà censurata. Grazie a chi avrà voglia di lasciare un segno del suo passaggio